Crea sito

Battaglie navali nel Mar Baltico durante la Grande Guerra Patriottica

Alessandro Lattanzio

La Flotta del Baltico sovietica era la più potente flotta della Marina Militare sovietica. Le operazioni nel 1941 furono simili a quelle della Prima guerra mondiale con enorme impiego di campi minati. Coll’inizio della guerra la Flotta del Baltico partecipò alla difesa di Kronshtadt e Leningrado. Negli anni seguenti, i sommergibili divennero la principale arma offensiva della Marina Militare sovietica e le unità minori aumentarono le operazioni ponendo campi minati offensivi e compiendo incursioni contro le forze tedesco-finlandesi. Nel 1944 la Kriegsmarine subì la perdite di navi maggiori, come le torpediniere di squadra classe Elbing. La Marina Militare sovietica perfezionò tali operazioni nei raid del 1945.

Baltico
Campagna navale della Guerra d’Inverno

30 novembre 1939, il piroscafo finlandese Auvo (195 tsl) fu catturato dal cacciatorpediniere sovietico Grozjashij col supporto del cacciasommergibili MO-111. Il cacciatorpediniere sovietico Gordij affondò il motoscafo della guardia costiera finlandese AV-114 presso l’isola di Lavansaari presa dalle forze sovietiche.

Grozjashij

12 gennaio 1940, il sommergibile finlandese Vetehinen entrò in collisione con un cacciatorpediniere sovietico.

13 gennaio 1940, il sommergibile sovietico Sh-324 subì un attacco con cariche di profondità dal pattugliatore ausiliario finlandese Aura-II, ma una carica esplose sul ponte della nave affondandola coi 24 marinai. Fu la maggiore perdita navale della Finlandia durante la Guerra d’Inverno.

18 gennaio 1940, il rompighiaccio finlandese Tarmo tentò di attaccare un gruppo di navi sovietiche presso l’isola di Someri, ma la nave finlandese fu inseguita da velivoli sovietici che la danneggiarono (39 morti e 11 feriti).

Battaglie durante la Grande Guerra Patriottica
1941

22 giugno 1941, il cacciasommergibili sovietico MO-238 fu intercettato da un gruppo di motosiluranti tedesche ed affondato dalla S-44. Lo stesso giorno, la motosilurante tedesca S-59 affondò il mercantile sovietico Gajsma (3077 tsl), e l’S-31 affondò il mercantile Liiza (782 tsl).

Gajsma

23 giugno 1941, la motosilurante tedesca S-44 affondò il mercantile sovietico Alf (166 tsl) e la S-43 affondò il faro galleggiante di Khiumadal. Nel raid aereo sul porto di Riga, un bombardiere tedesco Ju-88 (8./KG1, numero di serie 8260) veniva abbattuto dal tiro antiaereo delle navi.

24 giugno 1941, ignorando l’ordine di affondare il sommergibile S-3 nel porto di Libava, il comandante salpò trasportando 100 persone. Il sommergibile fu attaccato dalle motosiluranti tedesche S-60 e S-35 che mancarono l’S-3, iniziando lo scontro a fuoco. S-60 e S-35 furono danneggiate ma riuscirono infine ad affondare il sommergibile.

S-3

26 giugno 1941, il sommergibile tedesco U-149 veniva danneggiato da cacciasommergibili sovietici.

27 giugno 1941, le motosiluranti tedesche attaccarono un gruppo di cacciatorpediniere sovietici. Il Storozhevoj fu danneggiato (84 caduti). La notte la motosilurante TK-47 fu catturata dall’S-35 tedesca. Il cacciatorpediniere sovietico Stojkij si scontrò con le motosiluranti tedesche il 26, 27 e 29 giugno. Le mine posate dai cacciatorpediniere sovietici Serditij, Stojkij e Storozhevoj, tra il 24 e il 25 giugno, nello stretto di Irben del Golfo di Riga, affondarono nella notte tra il 26 e il 27 giugno la motosilurante tedesca S-43; le mine posate dai cacciatorpediniere Serditij, Stojkij, Storozhevoj, Silnyj, Strashnyj, Smetlivij e Grozjashij tra il 26 e il 27 giugno affondarono la motosilurante tedesca S-106, e tra il 10 e l’11 luglio affondarono il dragamine tedesco M-201 e danneggiarono il dragamine M-23. Il 1° ottobre affondarono il dragamine tedesco R-205 e il 19 novembre danneggiarono gravemente il dragamine R-203, che fu poi demolito. Altre mine furono posate dal posamine sovietico Marti, che affondarono il 1° ottobre il cacciasommergibili tedesco UJ-117 presso Hanko; il 21 novembre il rimorchiatore tedesco Fohn (303 tsl) presso Tallinn, e l’11 giugno 1942 la nave-appoggio tedesca MRS-11 Osnabruck, presso Tallinn (84 morti). I campi difensivi posati dai posamine sovietici Kalinin e Ural, nel Golfo di Finlandia, il 9 settembre danneggiarono il dragamine tedesco R-58. Il dragamine sovietico T-204 Fugas, tra il 22 e il 23 giugno posò 206 mine presso Libava, che affondarono il dragamine tedesco M-3134 il 1° luglio 1941, il cacciasommergibili tedesco UJ-113 il 10 luglio, il pattugliatore tedesco V-309 Martin Donandt il 28 ottobre, il dragamine tedesco M-1708 Aldebaran il 31 ottobre e il dragamine tedesco M-1706 Gertrude il 22 novembre.

Storozhevoj

2 luglio 1941, il sommergibile finlandese Saukko veniva danneggiato da cacciasommergibili sovietici presso il porto di Someri. Lo stesso giorno, il sommergibile finlandese Vesihiisi fu danneggiato da cacciasommergibili sovietici dopo un tentativo fallito di attaccare un mercantile.

3 luglio 1941, il sommergibile finlandese Vesikko veniva danneggiato da cacciasommergibili sovietici dopo aver affondato il mercantile Vyborg.

Vyborg

6 luglio 1941, battaglia di Kolka. Mentre i cacciatorpediniere sovietici Serditij e Silnyj posavano mine, individuarono la nave-appoggio tedesca MRS-11 Osnabruck che navigava col dragamine M-31. I cacciatorpediniere attaccarono il nemico; il Silnyj fu colpito dal dragamine M-31 subendo 4 caduti. Il Serditij danneggiò l’MRS-11, che si ritirò. Lo stesso giorno, le motosiluranti finlandesi Syoksy, Vinha e Raju affondarono un peschereccio a vela.

Silnij

10 luglio 1941, le motosiluranti tedesche S-26 e S-28 affondarono il relitto del mercantile sovietico Rasma (3204 tsl).

Rasma

12-18 luglio 1941, campagna del Golfo di Riga. Il Viceammiraglio Drodz organizzò un’offensiva con navi di superficie contro li convogli tedeschi nel Golfo di Riga. Le motosiluranti sovietiche TK-17, TK-87, TK-73 e TK-93 attaccarono il 13 luglio il convoglio guidato dalle cannoniere tedesche SAT-3 August, LAT-21 Gretchen, LAT-23 Deutschland e Feyya che scortavano chiatte e rimorchiatori, a cui si aggiunsero i dragamine M-251, R-28, R-29, R-168, R-169, R-170, le motosiluranti S-47, S- 57 e S-58. La cannoniera SAT-3 August e le chiatte B-1P, B-2P ed Eemlan furono danneggiate. I raid aerei sovietici affondarono la nave da sbarco Deutschland e danneggiarono i rimorchiatori R.18 e D.118, le chiatte A-279 , A-291 e S-289, il dragamine R-169 e e la motosilurante S-58. Anche la nave da sbarco UK.126 fu danneggiata. I tedeschi ebbero una unità affondata e 25 danneggiate. La motosilurante TK-123 fu affondata da aerei tedeschi e il cacciatorpediniere sovietico Strashnyj fu danneggiato (11 caduti), mentre il cacciatorpediniere Steregushij danneggiò i dragamine R-30 e R-31.

Strashnyj

19 luglio 1941, il dragamine sovietico T-202 Buj (classe Fugas) danneggiò la motosilurante finlandese Vinha.

20 luglio 1941, i cacciatorpediniere sovietici Jakov Sverdlov e Volodorskij e il dragamine T-207 Shpil (classe Fugas) si scontrarono con S-boot tedesche.

21 luglio 1941, il sommergibile tedesco U-140 fu danneggiato da cariche di profondità di cacciasommergibili sovietici dopo aver affondato il sommergibile sovietico M-94.

22 luglio 1941, motosiluranti tedesche affondarono la motosilurante sovietica TK-71 e il rompighiaccio Laichplesis (580 tsl).

Laichplesis

26 luglio 1941, battaglia di Bengtskar. Nel tentativo sovietico di sbarcare a Bengskar il cacciasommergibili sovietico MO-306 fu affondato dalla cannoniera finlandese Uusimaa. Le altre unità sovietiche presente furono MO-238, MO-311 e MO-312, e quelle finlandese furono la cannoniera Hamenmaa e la motovedetta VMV-13. La cannoniera Uusimaa e la corazzata costiera finlandese Ilmarinen furono danneggiate da aerei sovietici. Lo stesso giorno, le motosiluranti sovietiche attaccarono un gruppo di R-boot tedeschi affondando il R-169 e danneggiando i R-53 e R-63.

27 luglio 1941, le motosiluranti tedesche S-54, S-55 e S-57 attaccarono il cacciatorpediniere sovietico Smelij che subì 20 caduti. Danneggiato, il cacciatorpediniere fu silurato dalla motosilurante sovietica TK-54. Fu la più grave perdita subita dalla Marina Militare sovietica da azione nemica di superficie di tutta la Seconda Guerra Mondiale.

1 agosto 1941, 4 motosiluranti sovietiche attaccarono la nave-appoggio tedesca MRS-12 scortata dai dragamine M-3, M-4, M-8, M-7 e M-20.

5 agosto 1941, il sommergibile finlandese Vesihiisi venne danneggiato con cariche di profondità dal dragamine ausiliario sovietico Menzhinskij e dai cacciasommergibili MO-212 e MO-142.

6 agosto 1941, i cacciatorpediniere sovietici Surovij e Statnyj aprirono il fuoco contro il dragamine tedesco R-31 danneggiandolo e una batteria costiera nemica, distruggendone il deposito di munizioni.

8 agosto 1941, i cacciasommergibili sovietici MO-211 e MO-142 si scontrarono con motosiluranti finlandesi, che ritirandosi subirono attacchi da velivoli sovietici, danneggiando le motovedette VMV-11 e VMV-17 e le motosiluranti Syoksy e Nuoli.

12 agosto 1941, le motosiluranti tedesche S-26, S-28, S-39 e S-40 affondarono il dragamine sovietico T-41.

16 agosto 1941, le motosiluranti sovietiche TK-17, TK-57, TK-111 e TK-121 danneggiarono il motoscafo tedesco Melpomone.

17 agosto 1941, durante la battaglia di Narva, la cannoniera sovietica Krasnoe Znamja bombardò le forze tedesche, distruggendo alcuni pontoni usati dai tedeschi per attraversare il fiume.

Krasnoe Znamja

19 agosto 1941, la motosilurante tedesca S-58 affondava il rompighiaccio sovietico Merikaru (178 tsl).

21 agosto 1941, i cacciatorpediniere sovietici Artjom e Surovij intercettarono un piccolo convoglio tedesco, composto dalla cannoniera SAT-1 Ost, dai trasporti Maggie e Olga, 6 traghetti e 2 motozattere. La SAT-1 Ost fu incagliata.

Artjom

23 agosto 1941, un aereo da ricognizione tedesco veniva abbattuto su Tallinn dall’incrociatore sovietico Kirov, l’equipaggio fu cattaurato.

24 agosto 1941, l’incrociatore sovietico Kirov e il cacciatorpediniere Leningrad bombardarono le forze tedesche vicino Capo Ygisu. Un traghetto catturato dall’esercito tedesco e usato per trasportare truppe venne affondato sul fiume Keila.

Leningrad

27 agosto 1941, la motosilurante sovietica TK-57 danneggiò e fece incagliare i motoscafi tedeschi Adele e Diete Korner.

28 agosto 1941, le motocannoniere sovietici BK-213 e BK-214 attaccarono un convoglio di chiatte finlandesi, affondando 4 pontoni e i 4 motoscafi che li rimorchiavano.

27-28 agosto 1941, evacuazione di Tallinn. Durante l’evacuazione di Tallinn, la Marina Militare sovietica subì gravi perdite, 8000 tra soldati e civili, 13 navi militari e 30 mercantili. Vi furono attacchi di superficie da parte del pattugliatore finlandese VMV-17 che affondò la goletta sovietica Atta mentre i rimorchiatori sovietici I-18 e Paldiski furono catturati da altri pattugliatori finlandesi. Le motosiluranti tedesche S-26, S-27, S-39, S-40 e S-41 furono respinte dal tiro dei cacciatorpediniere sovietici. Un bombardiere tedesco Ju-88 (KGr.806, n° 2505) fu abbattuto dai cacciatorpediniere Leningrad e Minsk.

2 settembre 1941, le motosiluranti sovietiche TK-57, TK-67 e TK-154 attaccarono i dragamine tadeschi M-3 e M-20. Lo stesso giorno, la motosilurante finlandese Syoksy affondò il mercantile sovietico Meero (1866 tsl).

Meero

13 settembre 1941, una grande operazione tedesca coinvolse la corazzata Tirpitz e gli incrociatori leggeri Emden, Koeln, Leipzig e altre navi da guerra. La loro missione era intercettare le navi da guerra sovietiche che tentassero di fuggire in Svezia, sebbene la Marina Militare sovietica non ebbe mai in programma tale azione. La marina finlandese partecipò all’operazione con la corazzata costiera Ilmarinen, che finì sulle mine posate dalle torpediniere sovietiche Tsiklon e Sneg e dal dragamine T-201 Zarjad (classe Fugas), affondando con la perdita di 271 marinai. Fu la maggiore perdita navale della Finlandia e la nave da guerra più importante affondata dalla Marina Militare sovietica.

14 settembre 1941, la motosilurante sovietica TK-104 affondò il dragamine tedesco M-1707 Lunenberg.

15 settembre 1941, durante uno sbarco, 2 mezzi sbarco MFP e 2 traghetti Siebel tedeschi si scontrarono brevemente contro una imbarcazione sovietica.

16 settembre 1941, durante un bombardamento su Kronshtadt fu abbattuto un bombardiere Ju-87 (n. 5934, 9./StG.2), dal tiro antiaereo della corazzata sovietica Marat.

21 settembre 1941, durante i bombardamenti della Luftwaffe della base navale di Kronshtadt, un bombardiere tedesco Ju-87 (pilota Ernst Kupfer, comandante del 7/StG2) danneggiò il cacciatorpediniere sovietico Grozjashij. Nel raid aereo, la corazzata Oktjabrskaja Revolutsija fu danneggiata, il cacciatorpediniere Steregushij affondò (recuperato nel 1944) insieme al mercantile SA Levanevskij (2333 tsl). Un caccia tedesco Bf-109 (numero di serie 4199, 9./JG 27, pilota Ewald Hacker) fu colpito dal tiro antiaereo dopo aver colpito il cacciatorpediniere sovietico Gordij, anche un secondo caccia tedesco Bf-109 (numero di serie 3639, 9./JG 27, pilota Joachim Hinkelmann) fu abbattuto. Le incursioni successive dello stesso giorno danneggiarono i cacciatorpediniere Silnyj e Slavnyj.

Slavnyj

22 settembre 1941, durante i bombardamenti della Luftwaffe della base navale di Kronstadt, bombardieri “Stuka” colpirono la corazzata sovietica Marat con bombe da 1000 kg, uccidendo 326 marinai (incluso il comandante). La prua della corazzata Marat esplose. L’incrociatore Kirov fu danneggiato. La corazzata Marat non affondò e fu attivamente utilizzata per sgretolare le posizioni tedesche nell’assedio di Leningrado.

22 settembre 1941, la motosilurante finlandese Syoksy affondò il dragamine ausiliario sovietico Sergej Kirov (35 caduti).

23 settembre 1941, le motosiluranti sovietiche TK-12 e TK-22, del tipo D-3, attaccarono dei pattugliatori tedeschi e la TK-12 affondò il pattugliatore V-308 Oscar Neynaber. Lo stesso giorno durante i bombardamenti della Luftwaffe di Kronhstadt, l’incrociatore sovietico Kirov subì danni, ma abbatté prima che sganciasse le bombe lo Ju-87 (Nr. 5836, Stab III./St.G 2, pilota Ernst-Siegfried Steen) che l’aveva preso di mira. L’aereo abbattuto era lo stesso usato per danneggiare la corazzata Marat (il copilota era lo stesso).

TK-12

27 settembre 1941, durante i bombardamenti della Luftwaffe di Kronshtadt, un bombardiere tedesco Ju-87 (numero di serie 5735, pilota Ernst Kupfer, comandante del 7/StG2) fu abbattuto. Durante il raid, la corazzata Oktjabrskaja Revolutsija fu colpita da una bomba da 1000 kg, ma non esplose.

I campi minati offensivi sovietici causarono diverse perdite ai tedeschi; la perdita più significativa fu il posamine tedesco Konigin Luise affondato il 25 settembre 1941 da mine sovietiche al largo di Hanko. I campi minati furono posati dai cacciasommergibili tipo MO-4 MO-206, MO-210, MO-211, MO-227, MO-252, MO-206, MO-210, MO-211 e MO-232. Il 28 novembre 1941 vi affondò il posamine finlandese Porkkala, perdendo tutto l’equipaggio di 32 elementi. Il campo fu posato da MO-200, MO-204, MO-211 e MO-227 il 10 settembre 1941.

27 settembre 1941, le motosiluranti sovietiche TK-67, TK-83, TK-111, TK-164 attaccarono gli incrociatori leggeri tedeschi Emden e Leipzig; la TK-83 fu affondata.

30 settembre 1941, le motosiluranti finlandesi Nuoli e Sisu compirono un raid nel porto sovietico di Suursaari, danneggiando il sommergibile sovietico L-3.

1 novembre 1941, 6 caccia finlandesi Fokker D.XXI affondarono presso l’isola di Seiskari, le motosiluranti sovietiche TK-72 e TK-102 (tipo D-3).

1942
4 aprile 1942, la Luftwaffe compì un pesante raid su Leningrado contro la corazzata Oktjabrskaja Revolutsija, gli incrociatori Kirov e Maksim Gorkij e il posamine Marti. Vi parteciparono 132 bombardieri (Ju-87, Ju-88 e He-111) e 59 caccia Bf-109. Le bombe uccisero 113 civili e l’incrociatore Kirov fu danneggiato da una bomba che penetrò nello scafo ma che esplose in acqua.

24 aprile 1942, la Luftwaffe organizzò un altro raid aereo su Leningrado e l’incrociatore Kirov ebbe gravi danni (86 caduti). Un bombardiere Ju-87 (9/StG1) fu abbattuto.

27 aprile 1942, la Luftwaffe organizzò un terzo raid su Leningrado, affondando la nave-scuola Svir. Un bombardiere Ju-87 (numero di serie 2033, 7/StG2, pilota Bartsch e copilota Stematscher) fu abbattuto dall’incrociatore Maksim Gorkij.

Le motosiluranti sovietiche posarono vari minati campi difensivi presso l’isola Bolshoj Tjuters, che il 3 luglio 1942 danneggiarono il dragamine tedesco R-74, il 10 luglio 1942 affondarono la motozattera da sbarco tedesca MFP F-256, il 7 agosto 1942 il cacciasommergibili tedesco UJ-1211 e il 26 ottobre 1942 il cacciasommergibili tedesco UJ-1204.

29 giugno 1942, 2 bombardieri finlandesi Bristol Blenheim attaccarono un paio di cacciasommergibili sovietici tipo MO-4 presso l’isola Peninsaari. Un bombardiere Bristol Blenheim (numero di serie BL-132, pilota Risto Kuusava) fu abbattuto.

3 luglio 1942, un bombardiere tedesco He-111 (numero di serie 4810, A1+EX, del I./KG53, pilota Fritz Pockrandt) fu abbattuto da una nave da guerra sovietica presso l’isola Moshnij.

8-11 luglio 1942, battaglia dell’isola Someri. Durante il fallito tentativo sovietico di sbarcare sull’isola vi furono numerose azioni navali. La motosilurante sovietica TK-22 (tipo D-3) fu affondata dall’artiglieria costiera finlandese assieme alle motosiluranti TK-31, TK-71 e TK-121 (tipo G-5) mentre le TK-62 , TK-131 e TK-152 furono danneggiate. Il cacciasommergibili MO-306 fu affondato mentre i MO-110 e MO-402 furono danneggiati. Quando le cannoniere finlandesi Uusimaa e Hameenmaa attaccarono le unità sovietiche (già colpite dal tiro dalla costa finlandese), distrussero il relitto della TK-22 ed affondarono le motosiluranti TK-113, TK-123 e TK-83. La Marina Militare sovietica inviò la cannoniera Kama e i nemici la cannoniera finlandese Turunmaa e il dragamine tedesco M-17. Aerei sovietici Pe-2 danneggiarono M-17, Hameenmaa e Turunmaa. Hameenmaa e Kama si scontrarono, prima che la Hameenmaa si ritirasse. I sovietici inviarono la torpediniera Burja e i dragamine classe Fugas T-205 Gafel e T-207 Shpil; i finlandesi i posamine Riilahti e Routsinsalmi e i tedeschi la cannoniera SAT-1 Ost, la nave appoggio Nettelbek e il dragamine M-19. La Nettelbek fu danneggiata dagli aerei sovietici. Infine i cacciasommergibili sovietici MO-103 e MO-213 danneggiarono la motosilurante finlandese Nuoli.

13 agosto 1942, le motosiluranti finlandesi Vinha, Raju e Nuoli si scontrarono con pattugliatori sovietici.

26 agosto 1942, la motosilurante sovietica TK-152 (tipo D-3) affondò il cacciasommergibili tedesco UJ-1216 Star XXII.

5 novembre 1942, il sommergibile sovietico Sh-305 fu affondato dal sommergibile finlandese Vetehinen.

18 novembre 1942, le motosiluranti finlandesi Syoksy, Vinha e Vihuri attaccarono il porto sovietico dell’isola Moshnij e la Syoksy affondò la cannoniera sovietica Krasnoe Znamja (64 caduti). La nave sovietica fu recuperata e rimessa in servizio nel 1944.

Krasnoe Znamja

1943
29 aprile 1943, un caccia tedesco Fw-190 (3./JG54, numero di serie 2592) fu abbattuto dal pattugliatore I-23, tipo KM-2, presso Kronshtadt.

22 maggio 1943, le motozattere MFP tedesche F-189, F-188 e F-191 affondarono il sommergibile sovietico Sh-408, che riusciva a danneggiare l’F-188.

23 maggio 1943, battaglia di Seivasto. I cacciasommergibili sovietici MO-207 e MO-303 furono attaccati da unità finlandesi; le motovedette VMV-8, VMV-9, VMV-10, VMV-11, VMV-17 e le motosiluranti Hyoky, Hirmu, Hurja, Hyrsky e Haijy. Il MO-207 fu danneggiato, ma le imbarcazioni sovietiche spezzarono l’accerchiamento danneggiando la VMV-17.

31 maggio 1943, i cacciasommergibili sovietici MO-101, MO-121, MO-122 e MO-302 si scontarono con le motosiluranti finlandesi Hyrksy, Hirmu, Jyske e Vihuri e le motovedette VMV-8, VMV-9, VMV-10 e VMV-11. Jyske, Vihuri e Hyrsky furono danneggiate.

Cacciasommergibili tipo MO-4

2 giugno 1943, i cacciasommergibili sovietici MO-413, MO-104, MO-105, MO-302, MO-101 e le motovedette SKA-172 e SKA-182 si scontrarono con pattugliatori finlandesi VMV.

Motosiluranti sovietiche posarono campi minati offensivi presso l’isola Bolshoj Tjuters occupata dai finlandesi. Il 4 agosto 1943 vi affondò la cannoniera tedesca SAT-1 Ost (89 morti) e il 15 agosto 1943 vi fu danneggiato il dragamine tedesco M-22.

17 luglio 1943, i cacciasommergibili sovietici MO-207 e MO-302 si scontarono con le motosiluranti finlandesi Tarmo, Taisto e Tyrsky. Successivamente MO-404 e MO-408 si scontrarono con le motovedette finlandesi VMM-9, VMV-10, VMV-12. VMV-17 e MO-404 furono danneggiati.

19 agosto 1943, i cacciasommergibili sovietici MO-124 e MO-203 si scontarono con le motovedette finlandesi VMV-8, VMV-9, VMV-11, VMV-17, la motosilurante Vasema e il dragamine AV-138.

23 agosto 1943, 2 motosiluranti sovietiche attaccarono il posamine finlandese Riilahti e la TK-94 l’affondò (24 morti).

30 agosto 1943, battaglia nel canale di Kronstadt. Il pattugliatore sovietico 605 (tipo KM-2) si scontrò con un gruppo di motoscafi tedeschi che posavano mine sul canale Kronshtadt-Leningrado. L’imbarcazione sovietica fu affondata, non prima di affondare a sua volta 3 barche nemiche e di danneggiarne altre 2.

6 settembre 1943, le motosiluranti sovietiche TK-14, TK-44, TK-76 e TK-94 attaccarono le cannoniere tedesche SAT-5 Robert Muller, SAT-15 Polaris e il dragamine M-16, danneggiando la SAT-15 Polaris.

7 settembre 1943, le motosiluranti finlandesi Taisto, Tuima, Tuuli e Jyske si scontrarono presso l’isola Moshchnij coi cacciasommergibili sovietici MO-124 e MO-207, e affondarono il rimorchiatore K-12 e la chiatta LPT-11.

14 settembre 1943, il dragamine tedesco M-22 affondò la motosilurante sovietica TK-95.

5 ottobre 1943, raid di Strelna. Un’operazione sovietica con un sommozzatore e due squadre su gommoni fece esplodere 2 motoscafi dell’esercito tedesco.

18 ottobre 1943, un aereo da ricognizione tedesco Ju-88 (5(F)/122, numero di serie 430716) fu abbattuto nella baia di Luga dal pattugliatore sovietico 55.

21 ottobre 1943, le motosiluranti finlandesi Tuisku, Tuuli, Tarmo, Jylha, Jymy, Jyry e Jyske si scontrarono con pattugliatori sovietici.

30 ottobre 1943, motosiluranti sovietiche ingaggiarono un gruppo di dragamine tedeschi, che affondarono le TK-75 e TK-134 e danneggiarono la TK-85 (tutte del tipo G-5).

G-5

2 novembre 1943, motosiluranti sovietiche attaccarono un gruppo di dragamine tedeschi. TK-146 e TK-106 furono affondate (entrambe tipo D-3).

1944
14 maggio 1944, le motosiluranti tedesche S-132, S-79, S-91, S-135 e S-76 attaccarono i cacciasommergibili sovietici MO-122, MO-213, MO-202, MO-401 e MO-413, affondando il MO-122 (9 caduti).

16 maggio 1944, i cacciasommergibili sovietici MO-101 e MO-313 si scontrarono con le motosiluranti tedesche S-90, S-39, S-79, S-91, S-97, S-114, S-132 e S-135.

26 maggio 1944, i cacciasommergibili sovietici MO-302, MO-104 e MO-313 si scontrarono con le motosiluranti tedesche S-91, S-97, S-114 e S-135. Il MO-302 fu danneggiato (il comandante Tenorenko e altri 2 marinai caddero); S-97 e S-114 furono danneggiate.

30 maggio 1944, scontro tra motosiluranti sovietiche e 4 dragamine tedeschi.

5 giugno 1944, le motosiluranti sovietiche TK-15, TK-35, TK-45, TK-55 e TK-65 affondarono il dragamine tedesco M-37.

8 giugno 1944, scontro tra dragamine tedeschi e motosiluranti sovietiche.

17 giugno 1944, le motovedette finlandesi VMV-13, VMV-16 e la motosilurante Vasama catturavano la motosilurante sovietica TK-51.

20 giugno 1944, battaglia dell’isola Nerva. Durante l’offensiva sovietica sulle isole della baia di Vyborg, la Kriesgmarine inviò le torpediniere della classe Elbing T-30 e T-31 per distruggere il naviglio sovietico che operava nella baia. La Marina Militare sovietica disponeva di 14 motosiluranti, 10 cacciasommergibili MO-4 e 4 motocannoniere. I tedeschi danneggiarono il cacciasommergibili MO-106, uccidendone il capitano, e le motocannoniere BK-503 e BK-505 (tipo MBK). I sovietici contrattaccarono con le motosiluranti; TK-53, TK-63 e TK-153 furono danneggiate. Nel secondo attacco furono danneggiate anche TK-101 e TK-103. Nel terzo assalto TK-37 e TK-60 attaccarono su entrambi i lati la torpediniera T-31, che venne affondata (76 morti) e la torpediniera T-30 venne danneggiata. Fu la vittoria navale sovietica più significativa della Grande Guerra Patriottica.

30 giugno 1944, in due scontri tra dragamine tedeschi e motosiluranti sovietiche, furono affondate
le TK-43, TK-63 e TK-161.

4-5 luglio 1944, battaglia della baia di Vyborg. In coordinazione con l’offensiva dell’Armata Rossa, si ebbero combattimenti navali nella baia di Vyborg. I cacciasommergibili sovietici MO-512, MO-520, MO-522, MO-524 (tipo BMO), MO-101, MO-104 e le motosiluranti TK-10, TK-16, TK-26, TK- 36, TK-56, TK-166, TK-196 e TK-197 si scontarono con una formazione finlandese comprendente le cannoniere Hamenmaa, Uusimaa e Turunmaa. I velivoli sovietici danneggiarono le cannoniere Hamenmaa, Uusimaa, Turunmaa e le motovedette VMV-10 e VMV-11, dopo di che le navi finlandesi si ritirarono. Il giorno seguente, la Marina finlandese inviò le cannoniere ausiliarie Aunus e Viena scortate dalle motovedette VMV-5, VMV-14, VMV-15 e VMV-16. L’Aunus fu gravemente danneggiata assieme alla Viena, e la formazione finlandese si ritirò. Anche il dragamine tedesco M-15 fu danneggiato.

Il 15 luglio 1944, il sommergibile tedesco U-679 si scontrò coi cacciasommergibili sovietici MO-104 e MO-105 e le motosiluranti TK-47 e TK-57, venendo danneggiato.

16 luglio 1944, battaglia dell’isola di Nerva. La Kriegsmarine tentò una seconda azione, l’Operazione Buchenwald. Le torpediniere tedesche T-30, T-8 e T-10 ingaggiarono i cacciasommergibili sovietici MO-112, MO-121 e la motovedetta SKA-069. Il MO-121 fu danneggiato. La Marina Militare sovietica inviò la torpediniera Tucha e i dragamine T-211 Rym e T-217 Kontradmiral Jurkovskij, che si scontrarono con le torpediniere tedesche, che si ritirarono dopo che T-10 e T-8 furono danneggiate. Fu l’ultimo tentativo tedesco d’ingaggiare la Marina Militare sovietica nel Golfo di Finlandia.

24 luglio 1944, il sommergibile tedesco U-479 fu danneggiato da cacciasommergibili sovietici.

30 luglio 1944, il sommergibile tedesco U-250 affondò il cacciasommergibili sovietico MO-105. Poco dopo altre navi sovietiche inseguirono il sommergibile. Il cacciasommergibili sovietico MO-103 trovò ed affondò l’U-250, catturandone il capitano. Il relitto fu recuperato dalla Marina Militare sovietica per impossessarsi dei nuovi siluri acustici tedeschi GNAT.

1 agosto 1944, il sommergibile tedesco U-348 fu danneggiato dalle motovedette sovietiche SKA-082 e SKA-103 e dal cacciasommergibili MO-108.

Le motosiluranti sovietiche posarono campi minati offensivi che il 10 agosto affondarono il dragamine tedesco R-70 e il 28 agosto le cannoniere tedesche AF-35 e AF-50. Il 18 agosto furono affondate dalle mine sovietiche le torpediniere tedesche classe Elbing T-22 , T-30 e T-32.

26 agosto 1944, il sommergibile tedesco U-745 affondò il dragamine ausiliario sovietico T-45. Dopo l’attacco, il pattugliatore SKA-292 danneggiò con le cariche di profondità l’U-745.

1 settembre 1944, motosiluranti tedesche tentarono di distruggere il relitto del sommergibile U-250 per evitarne il recupero. Il cacciasommergibili sovietico MO-312 scacciò il gruppo e rientrando la motosilurante tedesca S-80 fu affondata da una mina alla deriva.

18 novembre 1944, battaglia di Capo Sorve. L’offensiva sovietica nel Golfo di Riga portò a una serie di scontri navali. Il primo coinvolse le motocannoniere sovietiche tipo MBK BK-503, BK-515, BK-516, BK-519 contro le MFP tedesche AF-5, AF-9, AF-26 sostenute da un R-boot e 6 pattugliatori KFK. Le motosiluranti tedesche S-65, S-68, S-69 e S-116 si scontrarono con le motosiluranti sovietiche TK-96, TK-136, TK-166, TK-193, TK-195 e TK-196 (del tipo D-3). S-68 ed S-116 furono danneggiate assieme alle cannoniere AF-5 e AF-26. La cannoniera sovietica Bureja appoggiò le imbarcazioni sovietiche, mentre i tedeschi inviarono i dragamine M-328, R-72, R-119, R-120, R-245. Un successivo scontro si ebbe di notte.

Bureja

19 novembre 1944, battaglia di Capo Sorve. Nella seconda giornata di battaglia, i tedeschi inviarono le torpediniere T-23 e T-28 che si scontrarono con le motocannoniere sovietiche BK-511, BK-512, BK-513 e BK-518. Quando BK-512, BK-516 e BK-519 attaccarono obiettivi a terra ed ingaggiarono il pattugliatore tedesco V-1709, la cannoniere AF-9 e i 6 pattugliatori KFK, la BK-516 fu danneggiata. La motosilurante TK-183 stese una cortina fumogena e il dragamine ausiliario T-331 rimorchiò la BK-516 arenatasi. Intervenne anche la cannoniera sovietica Zeja. I tedeschi inviarono i dragamine M-203 e M-460 contro la BK-516 e il dragamine T-331. Anche il dragamine tedesco M-460 s’incagliò, venendo danneggiato.

Zeja

21 novembre 1944, terza battaglia di Capo Sorve. Le motosiluranti sovietiche TK-96, TK-136, TK-195, TK-197 e TK-198 attaccarono il dragamine tedesco M-328 e i pattugliatori V-5713 Sudetenland e V-302 Brema. I sovietici inviarono le motocannoniere BK-503, BK-513, BK-515 e BK-518 che si scontrarono coi dragamine tedeschi M-328 e M-423 e i pattugliatori V-5713 Sudetenland e V-302 Brema. Il V-5713 Sudetenland fu danneggiato, costringendo i tedeschi a ritirarsi.

27 novembre 1944, il sommergibile tedesco U-479 affondò a ovest dell’isola di Osmussari per opera di una mina posata dai posamine sovietici Marti e Ural.

1945
4 gennaio 1945, nella notte del 4-5 gennaio, il sommergibile sovietico S-4 fu affondato dalla torpediniera tedesca T-3. Fu l’unico sommergibile sovietico perso per azione nemica diretta nel Baltico, nel 1944-1945. La torpediniera T-3 successivamente affondò con la nave gemella T-5 sul campo minato posato dal sommergibile sovietico L-21.

9 gennaio 1945, il sommergibile tedesco U-679 affondò sul campo minato posato dai dragamine sovietici T-352, T-354, T-370, T-371 e T-372.

18 febbraio 1945, la motosilurante sovietica TK-158 affondava il mercantile tedesco Tolina (1923 tsl).

18 marzo 1945, scontro tra motosiluranti tedesche e sovietiche, con l’affondamento della TK-66 e il danneggiamento della TK-195.

27 marzo 1945, secondo scontro tra motosiluranti tedesche e sovietiche: le unità tedesche S-64, S-69 e S-81 attaccarono le motosiluranti sovietiche TK-16, TK-60, TK-136, TK-166, TK-196 e TK-200 del tipo D-3. L’S-64 affondò la TK-166 e l’S-81 la TK-196. TK-16 , TK-60 , TK-136 e TK-200 furono danneggiate.

10 aprile 1945, le motosiluranti tedesche S-225 e S-708 affondarono per errore il mercantile tedesco Neuwerk (807 tsl) che trasportava 1000 rifugiati.

15 aprile 1945, incursione nella baia di Danzica. La Marina Militare sovietica mise in servizio le motosiluranti Proekt-123bis. 2 di esse, TK-131 e TK-141 salparono per un attacco nella baia di Danzica. Le due motosiluranti sovietiche colpirono il cacciatorpediniere tedesco Z-34, infliggendo gravi danni. Lo Z-34 non fu riparato.

16 aprile 1945, le motocannoniere sovietiche BK-200, BK-201, BK-202, BK-204, BK-205, BK-206, BK-212, BK-213 e BK-214 attaccarono un convoglio tedesco affondando 4 unità, tra cui la motozattera da sbarco PiLb-554.

21 aprile 1945, le motosiluranti sovietiche TK-55 (tipo G-5) e TK-141 (Proekt-123bis), tentarono di attaccare un convoglio di mercantili vicino Hela.

25 aprile 1945, il mercantile tedesco Emili Sauber (2475 tsl) fu affondato dalla motosilurante sovietica TK-133 (Proekt-123bis).

Nella notte tra 25 e 26 aprile, le motocannoniere sovietiche BK-158, BK-159, BK-204, BK-205, BK-213, BK-308, BK-309, BK-322 e BK-325 sbarcarono truppe a Pillau, scontrandosi con MFP tedesche, poi le motocannoniere sovietiche incontrarono tre motozattere tedesche con truppe a bordo, affondandone due. Nelle operazioni la motosilurante sovietica TK-802 s’incagliò.

Motocannoniera BK

6 maggio 1945, i cacciasommergibili sovietici MO-590, MO-591, MO-592, MO-593 e MO-595 incontrarono un gruppo di navi da guerra tedesche, comprendente i cacciatorpediniere Z-6, Z-10, Z-14, Z-20, Z-25 e le torpediniere T-17, T-19, T-23, T-28, T-35. Il MO-595 fu affondato dalla torpediniera T-28 (12 caduti).

9 maggio 1945, l’ultimo giorno di guerra, la Marina Militare sovietica s’impegnò in molteplici azioni d’intercettazione contro le imbarcazioni tedesche che tentavano di rifugiarsi in occidente. Presso Ventspils, un convoglio formato dai rimorchiatore Rota e Strelnieks, 2 golette e 3 piccoli rimorchiatori incontrò un gruppo di imbarcazioni sovietiche composto dai cacciasommergibili MO-121, MO-122, MO-131, MO-204 (tipo MO-4), dalle motovedette tipo D-3 SKA-175, SKA-176, SKA-177, SKA-183, SKA-192 e dai cacciasommergibili tipo BMO MO-537, MO-540, MO-541, MO-542, MO-543, MO-545 e MO-546; i tedeschi aprirono il fuoco ma si arresero dopo la risposta sovietica. Le navi sovietiche catturarono le navi tedesche. Le motovedette MO-121, MO-122, MO-131, MO-204, SKA-183, SKA-192, MO-540 e MO-545 affondarono un rimorchiatore, facendo 80 prigionieri, mentre un altro rimorchiatore affondò per il sovraccarico. La missione delle imbarcazioni sovietiche fece 800 prigionieri di guerra tedeschi. Presso Memel, una parte del gruppo sovietico, composto dalle motovedette SKA-175, SKA-176, SKA-177, MO-537, MO-541, MO-542, MO-543 e MO-546, incontrò un altro convoglio nemico formato da 2 rimorchiatori che trainavano 2 chiatte e 2 golette. I tedeschi spararono con armi antiaeree e le navi sovietiche SK-175 e MO-543 risposero affondando un rimorchiatore, una chiatta e le golette. Il rimorchiatore “S” e la chiatta n°833 si arresero. 1000 tedeschi morirono a bordo delle navi affondate e i sovietici fecero 670 prigionieri. Presso Libava, le motosiluranti sovietiche TK-141 (Proekt-123bis) TK-15 e TK-55 (tipo G-5) catturarono una goletta, un rimorchiatore e 2 barche a motore. Presso la penisola di Hela, tra il 9 e il 10 maggio, le motosiluranti sovietiche TK-145, TK-316, TK-333 e TK-354 (tipo G-5) catturarono un rimorchiatore e due motoscafi che tentavano di evacuare, facendo 103 prigionieri di guerra tedeschi.

TK-141

Liberazione di Bornholm
Il comandante della guarnigione tedesca sull’isola di Bornholm era pronto a arrendersi agli alleati occidentali ma non ai sovietici e l’Armata Rossa liberò l’isola con una serie di raid aerei, affondando 2 cannoniere ausiliarie. Il 9 maggio, le motosiluranti sovietiche TK-37, TK-96, TK-183, TK-185, TK-188 e TK-193 salparono per sbarcare una compagnia di truppe, ma incontrarono una chiatta e 4 barche a motore tedesche che catturarono. Quando i sovietici sbarcarono sull’isola la guarnigione tedesca si arrese, mentre le motosiluranti TK-96, TK-188 e TK-193 attaccarono un convoglio tedesco che evacuava Libava, formato dalla nave comando Rugard, dalla motosilurante S-216 e due R-boot. I velivoli sovietici attaccarono il convoglio tedesco. Fu l’ultimo attacco navale sovietico in Europa.

10 maggio 1945, l’ultima azione navale in Europa avvenne nel pomeriggio del 10 maggio. Le motosiluranti sovietiche TK-16, TK-36, TK-56, TK-136 e TK-195, di base a Kolberg, catturarono un rimorchiatore tedesco con una chiatta diretto in Svezia, facendo 800 prigionieri di guerra tedeschi.

Cacciasommergibili tipo BMO

Fonte: Soviet Empire