Crea sito

Battaglie navali nel Mar d’Azov durante la Grande Guerra Patriottica

Alessandro Lattanzio

L’attività sovietica della Flottiglia dell’Azov era strettamente legata alla Flotta del Mar Nero anche se presentava differenze significative per strategie e potenza. Va sottolineato come la Flottiglia si sciolse temporaneamente nel 1942-1943 fondendosi con la Flotta del Mar Nero. Le controffensive nel 1943 portarono alla decisione di sciogliere ancora la Flottiglia nel 1944 e fonderla con la Flottiglia del Danubio ricreata per le operazioni nell’Europa orientale. Prima dello scioglimento definitivo, la Flottiglia dell’Azov s’impegnò in numerose operazioni anfibie e di scorta delle linee di navigazione. Le piccole imbarcazioni della Flotta dell’Azov causarono numerose perdite alle forze nemiche durante la guerra.

1941
26 settembre 1941, la prima azione in combattimento della Flottiglia dell’Azov fu l’incursione del dragamine ausiliario Vojkov contro aree controllate dai nazisti presso Kirilovka, affondando 2 motoscafi, mentre vicino a Birjuchij catturò 4 golette.

24 ottobre 1941, nella notte tra il 24 e il 25 ottobre, due distaccamenti di navi sovietiche perlustrarono le acque tra Belosarajskaja, Krivaja e Beglitskaja, distruggendo 4 golette e danneggiando 2 barche a motore. A fine ottobre, la Flottiglia dell’Azov aveva affondato 11 imbarcazioni e catturato 2 golette.

26-27 dicembre 1941, la Flottiglia dell’Azov sostenne gli sbarchi sovietici a Kerch. Durante le operazioni, due cannoniere ausiliarie sovietiche abbatterono un bombardiere Ju-87 tedesco (n°6317 del 8./StG77).

1942
Nel nord del Mar d’Azov, le imbarcazioni sovietiche minarono i porti di Marjupol e Ejisk tra giugno e luglio 1942. Altre mine furono poste presso Kerch nel luglio 1942. L’Asse vi perse, presso Marjupol, il 19 giugno 1942 la goletta n°2263 dei collaborazionisti ucraini. Il 28 luglio 1942 un traghetto tipo Siebel dell’esercito tedesco affondò su una mina posata dal pattugliatore SKA-0175. Il 16 agosto 1942 un altro traghetto Siebel della Luftwaffe tedesca, il SF-123, affondò su una mina posta dal pattugliatore SKA-0175. Presso Ejsk, le mine posate dalla motovedetta SKA-0175 affondavano il 10 agosto 1942 il mezzo da sbarco tedesco F-133 e un traghetto tedesco tipo Siebel della Luftwaffe, e il 15 agosto 1942 il posamine croato SI.

Motovedetta tipo MO-4

25 luglio 1942, il pattugliatore SKA-0175 e la motosilurante TK-154 sovietici affondarono la goletta n°2412 con guardie tedesche e croate a bordo.

19 agosto 1942, il dragamine tedeschi R-36, R-37 e R-166 affondavano le piccole barche-dragamine sovietiche KATSh-574 e KATSh-578.

8 settembre 1942, la Flottiglia dell’Azov veniva dissolta e le sue imbarcazioni si unirono alla Flotta del Mar Nero per le operazioni presso Kerch.

1943
3 febbraio 1943, la Flottiglia dell’Azov veniva ricostituita con unità provenienti dalla Flotta del Mar Nero e dalla Flottiglia del Volga.

1 maggio 1943, le motovedette sovietiche SKA-0112 e SKA-0712 sbarcarono truppe sulle coste nemiche e affondarono una imbarcazione.

27 maggio 1943, il pattugliatore sovietico SKA-015 (tipo MO-2), veniva danneggiato dal pattugliatore tedesco RAS-20 e da due pescherecci armati, dopo aver sbarcato una squadra da ricognizione a sud di Taganrog.

Motovedetta tipo MO-2

5 giugno 1943, il pattugliatore sovietico SKA-015 veniva danneggiato presso Taganrog.

14 giugno 1943, presso Primorsko Akhtarij i tedeschi inviarono le cannoniere ausiliarie MAL-1, MAL-2 e MAL-3 e i dragamine R-30, R-163 e R-166. I sovietici disponevano della motovedetta SKA-012 e delle motocannoniere BK-13 e BK-14. La SKA-012 ebbe dei lievi danni. Lo stesso giorno, la motovedetta SKA-0412 veniva attaccata da un caccia Me-110 tedesco.

20 giugno 1943, i tedeschi tentarono di bombardamento Ejsk con le cannoniere ausiliarie MAL-1, MAL-2 e MAL-3 e i dragamine RA-51 e RA-56; danneggiarono 8 case e causarono 1 morto e 9 feriti. Il pattugliatore SKA-015 e le motocannoniere BK-121 e BK-122 sovietici attaccarono il nemico. I sovietici inviarono 4 aerei d’attacco Kharkov R-10 e 6 Il-2 e 1 caccia P-39. I caccia tedeschi abbatterono un R-10 e un Il-2, mentre persero un caccia Me-110.

26 giugno 1943, le motosiluranti tedesche S-40 e S-42 si scontrarono col pattugliatore sovietico SKA-0412.

29 giugno 1943, due motovedette tedesche e la chiatta da sbarco armata (MFP) F-401 si scontrarono con le motocannoniere sovietiche BK-112 e BK-113 (Proekt-1124). La BK-113 fu danneggiata come anche la BK-112. I tedeschi subirono danni sull’F-401 e la motovedetta RT-01.

Proekt-1124

18 luglio 1943, le cannoniere ausiliarie tedesche MAL-8, MAL-9, MAL-10 e MAL-11 si scontrarono con le motocannoniere sovietiche BK-112, BK-113 e la motovedetta SKA-0412. La MAL-8 veniva danneggiata.

21 luglio 1943, i sovietici respingevano un tentativo di bombardamento del nemico su Primorsko Akhtarij da parte dalle cannoniere ausiliarie MAL-8, MAL-11 e da dragamine R-166 dei tedeschi. Il piccolo dragamine sovietico KATSh-179 affrontò le unità nemiche venendo danneggiato. Intervennero le motocannoniere BK-111, BK-112, BK-113 e le motovedette SKA-0412 e SKA-0712 sovietiche, che danneggiarono R-166 e MAL-11.

Campi minati sovietici nel Mar d’Azov nel 1943:
Il 24 luglio, il rimorchiatore tedesco Hoflein affondava su una mina presso Temrjuk, di un campo posato dai pattugliatori sovietici SKA-0412 e SKA-0712. Il 29 luglio, il mercantile tedesco Immanuel (143 tsl) affondava su una mina al largo di Marjupol, di un campo posato dalla motovedetta SKA-0412 e dalle motocannoniere BK-121 e BK-122 (Proekt-1124). Il 6 agosto, il peschereccio tedesco T-265 affondava su una mina vicino Taganrog, posata da motocannoniere sovietiche. L’8 agosto, il dragamine tedesco RM-01 affondava su una mina presso Taganrog, posata due giorni prima da motocannoniere sovietiche. Il 23 agosto, la bettola tedesca L-2109 affondava a sud-ovest di Taganrog, su un campo di mine posato due giorni prima dal pattugliatore sovietico SKA-0412 e dalla motocannoniera BK-124.

BK-121

1 agosto 1943, il dragamine tedesco R-30 e le cannoniere ausiliarie MAL-8, MAL-9, MAL-10 e MAL-11, scortate dalle motosiluranti S-45, S-49 e S-51, tentarono ancora di bombardare Primorsko Akhtarij, ed attaccarono il piccolo dragamine sovietico KATSh-178; ma furono contrattaccati dal pattugliatore SKA-0712. I tedeschi si ritirarono venendo attaccati dalle motocannoniere BK-112 (Proekt-1124) e BK-323 (Proekt S-40). I tedeschi ebbero danni su una S-boot.

Proekt-1124 e Proekt-S40

8 agosto 1943, la motocannoniera sovietica BK-81 (Tipo S-40) subì alcuni danni combattendo contro tre motosiluranti tedesche.

18 agosto 1943, le cannoniere ausiliarie tedesche MAL-1 e MAL-2 intercettarono le motocannoniere sovietiche BK-123 e BK-133 affondandole usando i cannoni da 88mm di cui erano armate. Alcune ore dopo le motosiluranti sovietiche TK-116 e TK-126 alla ricerca delle motocannoniere affondate sequestrarono due pescherecci.

30 agosto 1943, offensiva di Taganrog. Le motocannoniere BK-311 e BK-313 sbarcarono una squadra scontandosi con la cannoniera ausiliaria tedesca MAL-1, che riuscì ad affondare entrambe le motocannoniere. Dopo la battaglia, velivoli sovietici attaccarono le cannoniere nemiche MAL-1 MAL-2, MAL-3, MAL-4, MAL-9 e i dragamine R-30 e RA-52 che scortavano 5 chiatte tedesche. Un motoscafo armato tedesco disertò consegnandosi al dragamine sovietico KATSh-176. Il motoscafo divenne il dragamine sovietico KATSh-19. Un altro motoscafo tedesco che fuggiva da Taganrog fu catturato dalla motocannoniera BK-111 (Proekt-1124), che face 10 prigionieri. Dopo la liberazione di Taganrog, furono catturate intatte nel porto 2 barche a motore, 2 chiatte e 10 golette.

9 settembre 1943, le motocannoniera sovietiche BK-121 e BK-124 e la motosilurante TK-116 si scontrarono col dragamine tedesco RA-54 e i mezzi da sbarco F-217, F-342 e F-534 durante le operazioni per liberare Marjupol. La TK-116 subì dei danni.

27 settembre 1943, con la liberazione di Temrjuk finivano gli scontri sul Mar d’Azov.

30 ottobre 1943, i tedeschi evacuavano Genichesk (loro ultima base navale nel Mar d’Azov), affondandovi varie navi (come le cannoniere MAL).

20 aprile 1944, la Flottiglia dell’Azov veniva dissolta e riorganizzata come Flottiglia del Danubio.

Fonti: Soviet Empire